Archivio
Newsletter
del 05/06/2019


Clicca qui per registrarti e ricevere
la newsletter periodica.

Fisco

Il canone fa reddito seppur sottratto dal comproprietario dell'immobile

Mutui

Quando stipulare il contratto di mutuo

Normativa

Cosa comprende il bonus mobili 2019

Notizie

Le scadenze fiscali di giugno
Nel 2018 cresce ancora la quantità di compravendite di alloggi
Aumenta il ricorso al mutuo per acquistare la casa
Fallimenti immobiliari, l'ammontare del fondo di solidarietà
Come fare per vedere le fatture elettroniche

Notizie dall'associazione

Destinare il 5 per mille ad Assocond-Conafi
Assistenza alla revisione dei conti condominiali
Nuovo codice IBAN per la sede lombarda di Assocond

RACCOLTA SENTENZE

Casa e Condominio - Liti e azioni legali

Sono pignorabili le quote dovute dai singoli condomini al condominio
In una causa legale il condòmino può agire insieme all'amministratore

Compravendita - Pratiche notarili

Più cautele prima di comprar casa, esaminare bene i documenti

L'ESPERTO RISPONDE

Casa e Condominio - Amministratore

Un condomino, anche a nome di altri 10, per complessivi 240 millesimi, ha inviato all’amministratore, con messaggio di posta elettronica certificata, chiedendo che nell’ordine del giorno della prossima assemblea fosse inserito al secondo punto dell’ordine del giorno “Conferma/revoca amministratore”. È arrivata la convocazione dell’assemblea straordinaria. Nell’ordine del giorno non è stato inserito il punto richiesto. Preciso che l’assemblea straordinaria si è resa necessaria per approvare il consuntivo 2018, in quanto nella precedente assemblea ordinaria lo stesso amministratore aveva detto di non approvare il consuntivo perché errato. Domanda, l’aver rifiutato di ottemperare alla nostra richiesta può essere motivo per chiedere la revoca, anche giudiziaria, del nostro amministratore?