Locazione - Fisco
25/10/2013
Ridotta l’aliquota per la cedolare secca sulle locazioni a canone concordato


Con la versione definitiva del “decreto Imu" scende dal 19 al 15%, già a partire da quest’anno, l’aliquota dell’imposta sostitutiva da applicare ai canoni abitativi quando si opta per il regime della cedolare secca in relazione a contratti di locazione concordati. Si tratta dei cosiddetti “contratti 3 + 2”, che prevedono durata minima di tre anni, più altri due di rinnovo automatico, e canone stabilito in base agli accordi definiti a livello locale tra le organizzazioni dei proprietari e quelle degli inquilini.
Fonte: Agenzia delle Entrate