Locazione - Fisco
19/12/2013
La risoluzione anticipata del contratto "libero" sconta l'imposta di registro


Il pagamento dell’imposta di registro nella misura fissa di 67 euro è previsto nelle ipotesi di cessioni, risoluzioni e proroghe dei contratti di locazione (articolo 17 del Dpr n. 131 del 1986). La legge sulle locazioni prevede la possibilità di stipulare contratti di durata non inferiore a quattro anni, decorsi i quali gli stessi sono automaticamente rinnovati per ulteriori quattro anni qualora non venga presentata una disdetta dal proprietario o dall’inquilino (articolo 2, comma 1, della legge n. 431 del 1998). Una volta instaurata la procedura per la rinuncia alla proroga del contratto alla scadenza dei quattro anni, sarà pertanto necessario versare, tramite modello F23, la somma di 67 euro a titolo di imposta di registro, dandone notizia all'Agenzia delle Entrate.
Fonte: Agenzia delle Entrate