Casa e Condominio - Fisco
26/02/2014
Dal 2013 sugli alloggi non locati si pagherà IMU e IRPEF


L’Imu sostituisce l’imposta sul reddito delle persone fisiche e le relative addizionali regionale e comunale dovute con riferimento ai redditi dei fabbricati non locati, compresi quelli concessi in comodato d’uso gratuito. Con effetto dall'anno 2013 il reddito degli immobili a uso abitativo non locati, situati nello stesso comune in cui si trova l'abitazione principale, è assoggettato a Irpef nella misura del 50 % (articolo 1, comma 718, della legge n. 147 del 2013). La norma fa riferimento solo agli immobili a uso abitativo non locati. Pertanto, il reddito di tali immobili situati nello stesso comune nel quale si trova l’immobile adibito ad abitazione principale, assoggettati all’Imu, concorre alla formazione della base imponibile dell’Irpef e delle relative addizionali nella misura del 50%.
Fonte: Agenzia delle Entrate