Casa e Condominio - Fisco
04/03/2015
Il riparto fra coniugi del bonus sul recupero edilizio


La detrazione spetta in relazione alle spese sostenute ed effettivamente rimaste a carico dei contribuenti che possiedono o detengono, sulla base di un titolo idoneo, l’immobile sul quale sono effettuati gli interventi di ristrutturazione (articolo 16-bis del Dpr n. 917 del 1986). Sulla base di tale presupposto, può usufruire della detrazione anche il soggetto non indicato nella documentazione, a condizione che nella fattura sia annotata la percentuale di spesa sostenuta da quest’ultimo (vedi la circolare n. 20/E del 2011). L’annotazione sui documenti della percentuale di spesa sostenuta deve essere effettuata fin dal primo anno di fruizione del beneficio e il comportamento dei contribuenti deve essere coerente con tale annotazione. Non è, pertanto, possibile modificare, nei periodi d’imposta successivi, la ripartizione della spesa sostenuta (vedi il paragrafo 4.1 della circolare n. 11/E del 2014).