Casa e Condominio - Fisco
31/07/2015
I pagamenti dei lavori in un piccolo condominio


Il condominio riveste la qualifica di sostituto d’imposta; pertanto, deve effettuare la ritenuta di acconto ogni qualvolta corrisponda compensi in denaro o in natura. È, quindi, necessario che sia provvisto di codice fiscale, indipendentemente dalla circostanza che sia o meno necessario nominare un amministratore (vedi la circolare dell'Agenzia delle Entrate n. 204 del 2000). Per fruire del "bonus ristrutturazioni" per i lavori relativi alle parti comuni, i condomini che, non avendone l'obbligo, non abbiano nominato un amministratore, devono richiedere il codice fiscale e assolvere tutti gli adempimenti previsti dalla norma a nome del condominio stesso (vedi la circolare dell'Agenzia delle Entrate n. 11 del 2014). I pagamenti vanno effettuati tramite bonifico indicando, oltre al codice fiscale del condominio, anche quello del condomino che li esegue (vedi la circolare dell'Agenzia delle Entrate n. 57 del 1998).