Compravendita - Fisco
20/05/2016
Più eredi possono godere del bonus "prima casa"


È possibile fruire dell’agevolazione prima casa sulle imposte ipotecaria e catastale qualora chi eredita l’immobile:
1) non sia titolare, esclusivo o in comunione col coniuge, di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione di altra casa di abitazione nel territorio del comune dove si trova l’immobile ereditato;
2) non sia titolare, neppure per quote o in comunione legale, su tutto il territorio nazionale, di diritti di proprietà, uso, usufrutto, abitazione o nuda proprietà, su altra casa di abitazione acquistata, anche dal coniuge, usufruendo delle agevolazioni per l’acquisto della prima casa.
Per avvalersi del beneficio, i requisiti devono sussistere entrambi. L’immobile, inoltre, deve trovarsi nel comune in cui l’erede ha la propria residenza o in cui intende stabilirla entro diciotto mesi (salvo casi particolari, ad esempio, per il personale delle forze di polizia). Se vi sono più eredi e più immobili, ciascun erede, nel rispetto dei requisiti, può richiedere i benefici prima casa su un immobile diverso, e l'agevolazione richiesta da uno va a vantaggio anche degli altri coeredi.