Casa e Condominio - Fisco
28/07/2016
Niente Tasi per il conduttore dell'abitazione principale


A partire dal 2016 non è più dovuta la Tasi sulle abitazioni principali non di lusso. Pertanto, nel caso di un immobile in locazione adibito ad abitazione principale dell’inquilino, questi non è tenuto al pagamento del tributo. Il proprietario è, invece, soggetto alla Tasi nella percentuale (tra il 70 e il 90%) stabilita dal Comune o, in mancanza di delibera, nella misura massima del 90 per cento. Al di fuori di questa ipotesi, il presupposto dell’imposta si realizza sia per l’inquilino che per il proprietario: entrambi sono tenuti al pagamento del tributo in misura diversa e in maniera autonoma, ovvero l'occupante versa fra il 10% e il 30% dell’ammontare complessivo della Tasi, secondo quanto stabilito dal Comune, il proprietario la restante quota.