Compravendita - Mutui
13/12/2016
Come detrarre gli interessi quando la casa è cointestata


Danno diritto alla detrazione Irpef del 19% (calcolata su un importo massimo di 4mila euro) gli interessi passivi, e i relativi oneri accessori, pagati in dipendenza di mutui ipotecari contratti per l’acquisto dell’unità immobiliare, da adibire ad abitazione principale entro un anno dall’acquisto stesso (vedi l'articolo 15, comma 1, lettera b, Testo Unico dell'Imposta sui Redditi). Ai fini della detrazione, risulta ininfluente la ripartizione della proprietà dell’immobile, alla quale non necessariamente corrisponde una identica ripartizione del costo di acquisto. Soprattutto nel quadro dei rapporti familiari, infatti, può accadere che la ripartizione del costo tra gli acquirenti non corrisponda perfettamente alla percentuale di titolarità del diritto di proprietà sull’immobile acquistato. Pertanto, al ricorrere di tutte le ulteriori condizioni previste dalla legge, il marito, che ha stipulato un contratto di mutuo per l'acquisto in comproprietà con la moglie dell'abitazione principale, può usufruire della detrazione in relazione a tutti gli interessi pagati, anche se la moglie non è parte del contratto di mutuo (vedi la circolare dell'Agenzia delle Entrate n. 17/E del 18 maggio 2006, paragrafo 7).