Compravendita - Fisco
10/02/2017
Come ripartire e detrarre fiscalmente la fattura dell'agenzia immobiliare


Ai fini Irpef, è possibile detrarre dall’imposta lorda il 19% degli oneri sostenuti per i compensi corrisposti ai soggetti di intermediazione immobiliare per l’acquisto dell’unità immobiliare da adibire ad abitazione principale, per un importo, comunque, non superiore a 1.000 euro (vedi l'articolo 15, comma 1, lettera b-bis, Testo Unico dell'Imposta sui Redditi). Detto importo costituisce il limite massimo cui commisurare la detrazione. Peraltro, la possibilità di usufruire del beneficio fiscale si esaurisce in un unico anno d’imposta. Se l’acquisto è effettuato da più proprietari, la detrazione, nel limite complessivo appena ricordato, deve essere ripartita tra i comproprietari in ragione della percentuale di proprietà (vedi la circolare dell'Agenzia delle Entrate n. 28/E del 4 agosto 2006, paragrafo 13). Nel caso in cui la fattura per l’attività di intermediazione sia intestata a uno solo degli acquirenti, al fine di consentire anche al comproprietario non indicato in fattura di usufruire pro-quota della detrazione, è necessario integrare il documento di spesa annotandovi i suoi dati (vedi la circolare dell'Agenzia delle Entrate 20/E del 13 maggio 2011, paragrafo 5.8).