Casa e Condominio - Fisco
05/04/2017
L'Agenzia delle Entrate fornisce delucidazioni su alcuni bonus per la casa


Il pagamento delle spese per interventi di ristrutturazione edilizia e di riqualificazione energetica di edifici esistenti deve avvenire con bonifico "parlante"; in caso di anomalia nella sua compilazione, non si decade dal beneficio se la ditta destinataria dell'accredito attesta con dichiarazione sostitutiva che i corrispettivi sono stati inclusi nella contabilità perché concorrano alla corretta determinazione del reddito d'impresa.
L'orientamento espresso con la risoluzione dell'Agenzia delle Entrate n. 64 del 2016, che ha riconosciuto la possibilità di fruire del bonus ristrutturazioni per le spese sostenute dal "convivente di fatto" anche se non possessore o non detentore dell'immobile sul quale sono effettuati i lavori (come previsto per i familiari conviventi), è applicabile, considerato il principio della unitarietà del periodo d'imposta, alle spese sostenute a partire dal 1 gennaio 2016.
Fonte: Agenzia delle Entrate