Locazione - Normativa
18/05/2017
Le nuove regole sulla proroga della locazione con la "cedolare secca"


In materia di cedolare secca, il decreto-legge collegato alla manovra di bilancio 2017 ha previsto che “la mancata presentazione della comunicazione relativa alla proroga del contratto non comporta la revoca dell’opzione esercitata in sede di registrazione del contratto di locazione qualora il contribuente abbia mantenuto un comportamento coerente con la volontà di optare per il regime della cedolare secca, effettuando i relativi versamenti e dichiarando i redditi da cedolare secca nel relativo quadro della dichiarazione dei redditi” (vedi l'articolo 7-quater, comma 24, del D.L. n. 193 del 2016, che ha modificato l’articolo 3, comma 3, del D. LGS. n. 23 del 2011). La medesima disposizione prevede, inoltre, che “in caso di mancata presentazione della comunicazione relativa alla proroga, anche tacita, o alla risoluzione del contratto di locazione per il quale è stata esercitata l’opzione per l’applicazione della cedolare secca, entro 30 giorni dal verificarsi dell’evento, si applica la sanzione nella misura fissa pari a 100 euro, ridotta a 50 euro se la comunicazione è presentata con ritardo non superiore a 30 giorni”. La predetta sanzione deve essere pagata con il modello F24 Elide - Versamenti con elementi identificativi, utilizzando il codice tributo “1511” (vedi la risoluzione dell'Agenzia delle Entrate n. 30/E del 10 marzo 2017).