Notizie
25/07/2018
Al via la compensazione dei crediti ceduti per il “Ecobonus” e “Sismabonus”


In considerazione del fatto che la detrazione fiscale spettante può essere utilizzata in cinque (Sismabonus) o dieci quote (Ecobonus) annuali di pari importo, la normativa prevede che anche il credito ceduto sia ripartito in altrettante quote, che sono utilizzabili dal cessionario esclusivamente in compensazione, presentando il modello F24 tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle entrate, pena il rifiuto dell’operazione di versamento.
Si tratta dei crediti ceduti corrispondenti alle detrazioni per gli interventi di riqualificazione energetica e di messa in sicurezza statica effettuati sulle parti comuni degli edifici
Per consentire, quindi, l’utilizzo in compensazione, tramite F24, delle quote annuali dei crediti ceduti, con la risoluzione dell'Agenzia delle Entrate n. 58/E del 25 luglio 2018 sono istituiti i seguenti codici tributo:
•“6890” - Ecobonus
•“6891” - Sismabonus.
I crediti ceduti utilizzabili in compensazione sono quelli risultanti dalle comunicazioni all’Agenzia delle Entrate effettuate dagli amministratori di condominio, o dai condòmini incaricati, per i quali risulti l’avvenuta accettazione della cessione del credito da parte del cessionario.