Notizie
10/12/2019
Aumenta la quantità di abitazioni compravendute


Anche nel terzo trimestre del 2019 si conferma la tendenza espansiva dei volumi delle compravendite nel settore residenziale, in atto, sostanzialmente, dal 2014; il tassotendenziale,+5%, risulta superiore a quello registrato nel trimestre precedente (+3,9%). Anche il dato destagionalizzato risulta in crescita, confermandosi il più alto dell’intera serie storica (2011-2019).
Disaggregando per macroaree territoriali, i tassi di crescita più elevati si sono registrati al Nord, rispettivamente con il +6,9% del Nord Ovest, dove si concentra il 34% dell’intero mercato nazionale, e con il +5,7 % del Nord Est (che, in termini di volumi assoluti scambiati, ha superato la macroarea Centro); il tasso di crescita più basso è quello delle Isole (+2,2%).
In questo trimestre sono stati i comuni capoluogo a presentare una tendenza espansiva più marcata (+5,9% alla scala nazionale, contro il +4,5% dei comuni minori), per effetto soprattutto delle dinamiche registrate nel NordOvest (dove il tasso di crescita dei capoluoghi è quasi doppio); in ogni caso, in nessuna disaggregazione territoriale si hanno tassi negativi.
Sostanzialmente analoghi sono i dati relativi alle superfici compravendute, dove il tasso più alto si è registrato, tuttavia, nel Nord Est, anche per effetto di un significativo incremento della superficie media degli immobili scambiati (+1,6 m2, che portano il dato medio a 116,2 m2, il valore più alto tra i cinque rilevati).

Il segmento dei depositi pertinenziali, per lo più costituito da cantine e soffitte, conferma e rafforzala tendenzapositivain attoin terminidi volume di compravendite, con tasso (+8%) superiore a quello del trimestre precedente (+7,1%). Anche in questo caso, nel confronto tra le macroaree, spiccano nettamente le dinamiche registrate al Nord (+13,2% nel Nord Est, +12,5% nel Nord Ovest, che esprime da solo oltre un terzo dell’intero mercato nazionale); l’unico tasso negativo si è registrato nelle Isole (-0,8%). Il tasso di crescita relativo ai comuni capoluogo (+14,3%) è risultato quasi triplo rispetto a quello degli altri comuni (+5,1%) alla scala nazionale e comunque sempre superiore in tutte e cinque le disaggregazioni territoriali analizzate.

Anche per il segmento di mercato dei box e dei posti auto si rafforza la tendenza espansiva in atto, con un tasso aggregato (+6,1%) superiore a quello del trimestre precedente (+5,2%). La disaggregazione territoriale mostra ovunque tassi positivi, peraltro abbastanza omogenei tra le varie macroaree (sono compresi, infatti, tra il +6,7% del Nord Ovest, che si conferma il mercato più dinamico con quasi il 40% dell’intero volume nazionale delle compravendite, ed il +3,8% delle Isole). Dai dati relativi alle superfici compravendute emerge tuttavia come il tasso di crescita più alto si sia registrato al Sud (+7,1%), anche grazie al fatto che è questa l’unica macroarea in cui si è avuto un incremento della superficie media scambiata (+0,4 m2).

Fonte: Osservatorio del Mercato Immobiliare (Agenzia delle Entrate)